sabato 16 gennaio 2010

La Velina Assassina. Ovvero Stanna Tanta Sciem Project.

"L'assistente di studio rimaneva sempre a bocca aperta di fronte a quello spettacolo. Si ritrovava a guardare l'immagine in movimento stordito proprio come davanti l'icona sacra della Madonna appesa nella stanza della madre nella casa della sua infanzia. Il volto della Madre di Dio lo fissava accondiscendente, quasi ironico, con quei grandi occhi marroni incorniciati nell'ovale olivastro. Matteo si riprese all'accendersi del puntino rosso della telecamera che indicava l'attività della registrazione e messa in onda".

Così inizia il racconto del mio amico Luigi Narni Mancinelli intitolato: La Velina Assassina,
Questo racconto fa parte dello "Stanna Tanta Sciem Project".
E che cos'è allora, questo "Stanna Tanta Sciem Project"?
Beh, per ora funziona così: il mio amico scrive dei racconti, ed io man mano faccio un'illustrazione (illustrazione in senso lato, non si deve trattare per forza di un disegno) per ogni racconto.
Onestamente per ora con materiale prodotto (e che produrremo) non sappiamo ancora cosa fare.
Potremmo provare a portare il tutto a qualche piccola casa editrice, oppure potremmo impaginarlo noi stessi per creare un libro scaricabile gratis in .pdf, o si potrebbe anche aprire un nuovo blog dove postarlo volta per volta, magari aprendo lo "Stanna Tanta Sciem Project" anche ad altre persone...

Le idee sono tante, però prima di deciderci vogliamo aver abbastanza materiale per evitare di fare una figura di merda di lanciarci in volo senza avere ancora sviluppato completamente le ali.

Le due immagini qui sotto sono le prime due prove. L'idea centrale è la stessa, cambia solo un po' la realizzazione. Le ho fatte abbastanza in fretta soprattutto per capire io stesso come impostare tutte le illustrazioni per i lavori successivi, e per mostrarle al mio amico. Quindi, anche se La Velina Assassina parla in maniera pittosto surreale (e negativa, ci tengo a precisarlo) di destra estrema, non deve stupire se per le immagini mi sono ispirato all'arte ed alla grafica sovietica degli anni 20.
Comunque credo che in corso d'opera cambierò ancora ancora parecchie cose.
Come sempre spero che vi piacciano.

Prima Versione.



Seconda Versione.



P.S. Mi rendo conto che non ho assolutamente spiegato come sono i racconti del mio amico per lo "Stanna Tanta Sciem Project".
Quanto prima chiederò a lui stesso di descriverli. :D
Si è verificato un errore nel gadget